baghera è detta bughy perchè "corta"; è una mezza persiana con la coda a fulmine che mi aiuta a badare a tutti gli amici/mici...

martedì 31 luglio 2012

Condivisione



...acque trasparenti color smeraldo lo rendono unico nel suo genere.

Il Lago di Cornino da il nome alla riserva naturale regionale nella quale è inserito, all'estremo margine sudorientale delle Prealpi Carniche.
Anche se per poche ore, siamo fuggiti dalla calura che ci sta assediando senza sosta... 




(un saluto da Bughy...)


 ...e da "alcuni" aMICI (non riesco a ritrarli tutti in un'unica foto...)



 Incontrare un riccio in giardino di giorno è un fatto inconsueto.
Questo gomitolo spinoso si stava lasciando morire, steso sopra alcune foglie secche, ai piedi del ciliegio.
Lo ho raccolto, ripulito dalle larve di mosca che aveva attorno al musetto e adagiato nel ricovero "gattoso" che si intravede nella foto di gruppo dei gatti.
Sono riuscita a dissetarlo con una siringa senza ago e dopo poco si è risollevato, nutrendosi autonomamente con dell'omogeneizzato che gli ho offerto.
Ora, come è giusto che sia, l'ho notato al tramonto mentre spazzolava le crocchette che ha a disposizione per se e i suoi compagni d'avventura che popolano il mio giardino.
Lunga vita a voi, discreti amici miei!

E a voi, ben trovati; non sono sparita, fedele alla lettura dei vostri blog ma un pò assente da me stessa...
 


  

13 commenti:

Alligatore ha detto...

Bella storia estiva, con gli aMici attorno a fare le fusa e strofinarsi ;) e bello quel laghetto. Benritrovata.

Martigot ha detto...

Ciao Maura, è bello ritrovarti sul tuo blog :-)
un saluto a te e a tutta la banda

P.S. anch'io qualche anno fa avevo un piccolo riccio in giardino che si faceva vedere durante il giorno. Mi ricordo che faceva molto caldo, non so se questo influisse sul suo strano comportamento...poi però non lo abbiamo più visto, credo che sia tornato all'abituale vita notturna.

Maura ha detto...

Ciao Marty!
Sono creature delicate, difficili da aiutare perchè giustamente non si fidano dell'uomo.
Credo che questi periodi così prolungati di caldo africano non siano positivi per loro, per questo lascio a disposizione acqua pulita in più punti del giardino.
Vorrei poter fare di più, ma sono consapevole che se l'uomo non avesse compromesso così tanto anche il loro habitat non necessiterebbero di aiuti esterni al loro mondo...
Un saluto, Martigot!

Biancaneve ha detto...

Carissima,
che bello ritrovare un tuo post, e che post poi! Pensa che giusto ieri avevo pensato di scriverti un'email proprio per avere tue news, e lo avrei fatto senz'altro nei giorni prossimi se non ti fossi fatta viva tu.
Bellissime le foto del lago e ovviamente bellissimi i mici, così come è bellissimo che tu ti sia prodigata in cure per il povero riccetto; ma come mai si stava lasciando morire? Comunque meno male che si è ripreso.
Io invece ho trovato tre gattini piccoli (hanno la mamma comunque) in una via vicino casa mia e ce n'è uno che ha gli occhietti un po' cisposi, domani proverò a mettergli del collirio. Il posto dove stanno è tranquillo, c'è già una piccola colonia, curata da una signora, sono indecisa però se lasciarli lì o provare a cercare qualcuno che li adotti.
Un bacione, anche a Bughy e gli altri.

Maura ha detto...

@Ciao Biancaneve!

Si, mi sono un poco persa nella frenesia della mia vita...e a proposito di nuovi mici sto cercando di seguire al meglio due nuove neo-mamme incontrate recentemente, (visto che i miei sembrano non bastarmi:-); entrambe hanno 2 micetti e mi fanno una tenerezza infinita che me li porterei a casa!
Sono fatta così, non riesco a girarmi dall'altra parte...
Baci, Rita cara.

Kylie ha detto...

Io adoro i ricci, ne avevo anch'io da piccola in giardino.

Un abbraccione a te che l'hai salvato.

Zio Scriba ha detto...

Anch'io di questi tempi fantasmeggio un po'... Ma le nuove e vecchie amicizie sono sempre ben salde nel mio cuore.
Ciao!! :)

Baol ha detto...

Cavoli che bel laghetto!

E che bello che il riccio si sia salvato!!!

ziamaina ha detto...

Sempre speciale, cara amica mia, il tuo cuore ha un posto per tutti... Ma prenditi cura anche di te stessa e se possibile riposati...
Un abbraccio grande...

Vera ha detto...

Bella la storia del riccio Maura, bella e a lieto fine. Nel giardi no di mia sorella i ricci quest'anno sono 5 fortunata lei!

Sara ha detto...

Ho avuto anch'io un riccio e per curarlo, ho fatto una cosa buffissima, cioè, me lo sono tenuta addosso per un mese, era il mio riccio marsupiale. Poi com'è giusto, ha preso la via dell'uliveto dietro casa.

Vele Ivy ha detto...

Bellissimo post!! Le acque trasparenti del lago, il gattone nero, il riccio! Meno male che ha incontrato te :-)
Che belle storie che ci racconti e ci fai vivere con le tue immagini!

èrman ha detto...

Sei bravissima maura, grazie di cuore per tutto quello che fai, ciao ermanno