baghera è detta bughy perchè "corta"; è una mezza persiana con la coda a fulmine che mi aiuta a badare a tutti gli amici/mici...

giovedì 10 maggio 2012

Io non ci vedo chiaro...

OK, ammiro l'impegno di alcune persone come l'eurodeputato Andrea Zanoni, ma io di risultati non ne vedo.

Non mi aspettavo di certo che da un giorno all'altro cessassero definitivamente (magari!) le uccisioni di cani e gatti randagi nell'europa dell'est per far posto al dio calcio nella sua prossima ennesima patetica rappresentazione.

Ma nemmeno pensavo che proprio niente venisse attuato per fermare quelle mani assassine, se non una parvenza di boicottaggio di certi politici per protestare nei confronti dei presunti maltrattamenti subiti in carcere dalla Timoshenko.

Lascio spazio ad un aggiornamento riguardo lo stato delle cose in ucraina (sempre volutamente in minuscolo).


Comunicato stampa 10 maggio 2012

Strage randagi in Ucraina, Kiev risponde a Zanoni

Le autorità ucraine rispondono alla lettera inviata da Andrea Zanoni (Eurodeputato IdV) che chiedeva lo stop immediato alle uccisioni di cani e gatti randagi. “Tante belle parole ma niente fatti. E intanto la stage continua”. I volontari confermano la versione di Zanoni. “Kiev non si nasconda dietro le belle promesse

Il dramma delle uccisioni di massa di cani in Ucraina ha bisogno di fatti, non parole”. Così Andrea Zanoni, Eurodeputato IdV e vice Presidente dell'intergruppo Benessere degli Animali al Parlamento europeo, commenta la risposta delle autorità ucraine (datata 13 aprile ma ricevuta solo in questi giorni) alla sua lettera del 20 febbraio scorso, poi cofirmata in tutto da 22 Eurodeputati (tra cui i colleghi IDV Niccolo’ Rinaldi, Sonia Alfano, Gianni Vattimo e Giommaria Uggias) con la quale chiedeva un serio impegno per fermare il massacro di cani e gatti randagi in vista di Euro 2012. “Secondo la risposta, l'Ucraina dovrebbe essere il paradiso in Terra per tutti i randagi. Le immagini dei massacri che invece tutti noi abbiamo sotto gli occhi ci dimostrano come la realtà sia ahimè ben diversa” (VIDEO) .

Il Ministro all'Ambiente ucraino Mykola Zlochevskyi, che secondo le associazioni animaliste del Paese non sarebbe più nemmeno in carica dal 20 aprile scorso, ha risposto alla lettera che Zanoni aveva indirizzato al Presidente Victor Yanokovych e al Premier Mykola Azarov. Secondo il Ministro, le autorità ucraine starebbero facendo il massimo per fermare le stragi e gestire il randagismo nel Paese nel migliore dei modi. “Nella risposta si parla di leggi approvate per la tutela dei randagi, ripari e addirittura cliniche mobili per le sterilizzazioni – riferisce Zanoni – Peccato che quello che i volontari continuano a vedere sono uccisioni, maltrattamenti e avvelenamenti, e l'unica cosa mobile che è stata avvistata nei mesi scorsi è stato un forno crematorio utilizzato per bruciare le carcasse dei poveri animali ammazzati a fucilate, bastonate o avvelenati”.

Il fatto che le autorità ucraine ammettano il problema è una mezza buona notizia – ammetta Zanoni – Ma le promesse e le belle intenzioni non bastano di certo a risolvere la silenziosa strage che continua ad essere compiuta giorno dopo giorno nelle strade delle cinque città che ospiteranno le partite di Euro 2012”. I volontari sul campo con i quali l'Eurodeputato è in stretto contatto, raccontano infatti una realtà ben diversa da quella che si legge nella lettera di risposta, una realtà dove avvelenamenti e maltrattamenti sono tutt'altro che scomparsi. “La legge sulla protezione dei randagi dai maltrattamenti approvata nel 2006 di cui parlano le autorità ucraine è restata sostanzialmente sulla carta – incalza Zanoni – Fare una legge infatti non basta, poi bisogna metterla in pratica”.

Andrea Cisternino, fotoreporter italiano a Kiev e delegato Oipa, conferma la versione di Zanoni: “Non è stato fatto niente, e di canili io ne conosco uno solo, dove per di più i cani vengono uccisi solo dopo tre giorni”. “Le autorità ucraine devono intervenire veramente, e non solo a parole, per fermare la strage dei randagi – conclude l'Eurodeputatoaffinché una volta finiti gli Europei 2012 non si spengano i riflettori su questa strage silenziosa e sanguinaria”.




 

8 commenti:

Sara ha detto...

Intanto boicottiamo le ditte che sponsorizzano gli europei.

Alligatore ha detto...

Già, bisogna colpire duro nei loro interessi, solo così si riesce a scuotere qualcosa ...

Biancaneve ha detto...

Il resto dell'Europa non è abbastanza fermo. Tutti gli stati dovrebbero seriamente minacciare di boicottare l'ucraina. Affermare che le partite non verranno trasmesse, che nessuno si recherà nel loro paese insanguinato, che nessun prodotto ucraino sarà più esportato ecc.ecc..

Vele Ivy ha detto...

Sono d'accordo col commento di Biancaneve... l'Europa non è abbastanza ferma in questo proposito. Troppi interessi economici?

Zio Scriba ha detto...

In questi casi giusto boicottare.
Ma a proposito di vedere: non è che stai boicottando anche il mio blog? Non ti si vede più... :-))))

Un abbraccione domenicale

Felinità ha detto...

Giustissimo, abbiamo sempre qualche opportunità per provare a far cambiare le cose. miaoooo

Felinità ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Felinità ha detto...

Giustissimo, abbiamo sempre qualche opportunità per provare a far cambiare le cose. miaoooo